Press here to move onto page menu

Accordatore di antenna

accordatore d'antenna L'accordatore di antenna o, con termine inglese,TRANSMATCH,è un componente che non è stato ben capito da tutti gli OM. Gli si addossano colpe che non ha mentre non sempre gli si riconoscono i suoi pregi.Qualche OM dice che impiegando un cavo coassiale nelle sue antenne NON c'e bisogno di nessun accordatore; qualcun'altro che l'accordatore assorbe tutta l'energia fornita dal TX stesso o quasi e così via. Vediamo di mettere questo ... oggetto misterioso nella posizione giusta ma intanto diciamo che un accordatore è un trasformatore per radio frequenza a rapporto di trasfomazione variabile.Tutti i TX irradiano delle armoniche:più meno attenuate a seconda dei tipi e delle frequenze.Un'antenna multibanda, proprio per il fatto di essere tale, non può porre nesun freno a tali irradiazioni indesiderate.Praticamente tutti i TX sono costruiti con un'uscita di 50 ohm: ogni volta che l'antenna presenta una differenza da questo valore diventa difficile fare gli accordi, come abbiamo già visto ma, anche se si riesce ad "accordare" il finale, si ha una regolazione che "fa vedere" alle valvole finali un carico improprio peggiorando la situazione delle armoniche e delle uscite spurie, entro certi limiti.

 
accordatore di antenna Stessa disposizione circuitale è anche il TX va regolato nello stesso modo.Si dispongono i condo var,nella posizione di max capacità e si regola la bobina per il minimo di ROS.Si ritoccano poi i cond. e ancora la bobina per ottenere il ROS di 1:1.Se per antenna si usa un filo non risonante(long wire)è necessario la terra che,in mancanza di meglio, può essere la tubazione dell'acqua(assicuratevi che non sia di plastica, hi!!).Estese prove hanno permesso di usare con successo un filo teso in diagonale verso l'alto e anche delle antenne ad elle rovesciato: sovente, queste semplici antenne hanno retto il confronto con una G5RV offrendo per mezzo dell'accordatore naturalmente,un ROS di 1:1 su tutte le bande ponderabili. Desiderando autocostruirsi l'accordatore (si trovano belle fatti e di ottime case sia del tipo a pi-greco che del tipo a ti) occorre tenere presente che esso ha un rendimento del 95% circa e che i variabili e la bobina devono essere dimensionati a seconda della potenza in uso. Con potenze sui 200 watt le dimensioni della bobina e la spaziatura dei variabili vanno all'incirca come il pi-greco completo della Geloso di vecchia memoria.
QST - REF - DBOOK